Storia

Itinerari della Grande Guerra. Per tutti noi il Carso, o meglio l'Altopiano del Carso, evoca una delle battaglie più dure e cruente della Grande Guerra (prima guerra mondiale) e ancora oggi, tra gli impervi sentieri, il vento sembra restituire forte e viva l'eco dei fragorosi combattimenti di quegli anni. Sul Carso il generale Luigi Cadorna, comandante supremo dell'esercito italiano, nell'estate del 1915, sferra l'attacco principale contro il nemico austro-ungarico. Lungo tutto l'altopiano l'esercito italiano con forte spirito offensivo esce coraggiosamente dalle trincee con ogni tipo di arma allo scopo di fiaccare e quindi distruggere le posizioni avversarie; tuttavia questa strategia comporterà notevoli perdite. Troppo forte e ben organizzata la trincea nemica che con cannoni e mitragliatrici respinge agevolmente ogni tentativo di assalto. Sull'altopiano carsico italiani e austro-ungarici dettero vita a 12 battaglie, tra il 1915 e il 1917, in cui migliaia di uomini persero la vita o la libertà tra le trincee scavate nella nuda roccia carsica o tra i pendii delle Prealpi Giulie. Meno noti ma comunque drammatici furono i combattimenti tra le cime delle Alpi Giulie e delle Alpi Carniche. Luoghi come i monti Ermada, San Michele, Calvario e Sabotino furono presto noti per queste tristi vicende. Gorizia, austro-ungarica prima della guerra, divenne un simbolo per l'opinione pubblica, specialmente quando divenne italiana nell'Agosto del 1916; Udine invece venne definita "la capitale della guerra" poiché città più vicina al fronte.

Storia

Cimitero britannico di Tavagnacco

Adegliacco, una frazione del Comune di Tavagnacco alla periferia settentrionale di Udine, ospita l'unico War Cemetery in Friuli, ovvero un cimitero britannico che accoglie i caduti alleati della Seconda Guerra Mondiale

Scopri di più →
Storia

Cimitero austro-ungarico di Palmanova

Il cimitero austro-ungarico di Palmanova è uno dei principali camposanti militari del Friuli Venezia Giulia e custodisce i resti di oltre 17 mila soldati provenienti per la maggior parte dalla zona di Gorizia. È facilmente raggiungibile dal casello autostradale di Palmanova svoltando a sinistra in ...

Scopri di più →
Storia

Sala esposizione di Cimeli Storici Militari di San Daniele del Friuli

La Sala Esposizione di Cimeli Storici Militari si trova presso la cosiddetta "Casa del Trecento" di San Daniele del Friuli, una costruzione di origine medievale che ha resistito alle avversità del tempo e al terremoto del 1976. Originariamente era il Banco dei Pegni della cittadina mentre oggi è ...

Scopri di più →
Partner

Pizzeria N Kunt'velu

Pizzeria con forno a legna e braceria con ingredienti e materie prime a Km 0 ed attentamente scelte e cucinate. Birre d'importazione belga e d'abbazia. Inoltre, cocktail, pestati e distillati per un aperitivo od una serata tra amici. Aperto tutti i giorni.

Loc. Contovello, 97 - Trieste 34100 (TS)
Tel. 040 225641 - Cell. 346 8764049
E-mail: fulapam@gmail.com

Scopri di più →
Storia

Museo Storico Privato "Generale Umberto Romei" di San Vito al Tagliamento

Il Museo Storico del Friuli Occidentale, dedicato al generale Romei, si trova al secondo piano della ex scuola di Ligugnana di San Vito al Tagliamento. Si tratta di una collezione privata visitabile solo su prenotazione e allestita dall'attuale presidente regionale dei Bersaglieri, Pio Langella. L ...

Scopri di più →
Storia

Museo Storico Militare di Palmanova

Il Museo Storico Militare di Palmanova è stato aperto al pubblico nel 1990 dal Ministero della Difesa ed offre la possibilità di scoprire la storia di questa affascinante cittadina della pianura friulana. Un'esposizione che quindi non prende in considerazione solo il periodo della Grande Guerra m ...

Scopri di più →
Storia

Museo della Grande Guerra di Ragogna

Il Museo della Grande Guerra di Ragogna sorge all'interno del Centro Culturale e Biblioteca Civica a San Giacomo di Ragogna, presso l'ex scuola elementare "Romeo Battistig". Nato nell'ambito del Progetto interregionale "I luoghi della Grande Guerra nel Friuli Collinare", permette di integrare ...

Scopri di più →
Partner

Ristorante Albergo Krizman - 3 stelle

Hotel *** stelle con stanze dotate di tutti i comfort, ampio giardino e parcheggio privato. Ristorante con i prodotti ed i piatti tipici della cucina tradizionale carsica, dagli affettati fino a superbe proposte di selvaggina.

Via Repen, 76 - Monrupino 34016 Trieste (TS)
Tel. 040 327115 - 040 327468
Fax 040 327370
E-mail: info@hotelkrizman.eu

Scopri di più →
Storia

Chiesetta di San Nicolò a Jainich

Lungo la spettacolare strada che conduce dal santuario di Castelmonte a Stregna, nel cuore delle Valli del Natisone, si incontra la località di Jainich, in Comune di San Leonardo. Proseguendo sulla strada provinciale SP31 senza entrare nel piccolo centro abitato si giunge su un piccolo ripiano circ ...

Scopri di più →
Storia

Museo Casa Rurale di Drenchia

Nella frazione di Trinco (Comune di Drenchia) è possibile visitare il piccolo museo Casa Rurale. Nell'ex scuola elementare del paese si trovano esposti diversi oggetti ed attrezzi della vita contadina di questo territorio, ripercorrendone la storia dalla fine del XIX secolo alla metà del XX.

Scopri di più →
Storia

Casa Cadorna a Doberdò del Lago

Il rifugio Casa Cadorna si trova sul Monte Castellazzo, una delle tante alture carsiche nei pressi di Doberdò del Lago. La costruzione è stata edificata nel 1916 (e restaurata successivamente nel 1977) a 106 metri s.l.m. lungo una strada carsica utilizzata prima dagli austro-ungarici e, dopo l'av ...

Scopri di più →
Partner

Gostilna - Trattoria Sardoc

Ristorante con i piatti della tradizione dell'altopiano del Carso come crespelle con erbe di stagione, coniglio arrosto e selvaggina con polenta. Wine bar con le migliori produzioni vitivinicole del territorio: Terrano, Vitovska, Malvasia e Glera. Menù turistici, serate a tema e location per matrimoni, cerimonie ed eventi.

Fraz. Precenico, 1 - Duino Aurisina 34013 Trieste (TS)
Tel. 040 200871
E-mail: info@sardoc.eu

Scopri di più →
Storia

Casa Bergamas a Gradisca d’Isonzo

Al termine della Prima Guerra Mondiale molti Stati avevano scelto di ricordare attraverso dei simboli patriottici il grandissimo numero di caduti che non era stato possibile identificare. Nasceva in questo contesto la figura del Milite Ignoto, ovvero il feretro di un soldato senza nome che doveva ra ...

Scopri di più →